Homo homini lupus

Artista murales: Massimo Mion

Artista realtà aumentata: Ilaria Beretta

Anno: 2016

Tecnica: Stencil

Foto: Camilla Picone

 

Uno stencil che potrebbe essere di Banksy, se non fosse che, siamo sicuri, l’artista di Bristol non è mai passato per Milano. Anzi, forse, se fosse di Banksy, Cappuccetto si mangerebbe il lupo, anziché coccolarlo teneramente. In ogni caso, il pezzo sintetizza in modo pieno il concetto di “street art” degli anni Duemila: messaggi stupefacenti e dissonanti composti attraverso stencil imperfetti e semplici (senza ponti), dai caratteri cromatici minimali. Prodotti potenzialmente in serie, per incursioni veloci e lontani da occhi indiscreti (o peggio, in divisa).

 

 

 

Per provare l'esperienza della realtà aumentata attiva la app Bepart o scaricala qui gratuitamente e inquadra l'opera: la vedrai animarsi!

DETTAGLI
Sottopassaggio Stazione Garibaldi,