Case Bonaiti e Malugani

Giovanni Muzio

Case Bonaiti e Malugani

1935-1936

 

 

La realizzazione delle case Bonaiti e Malugani, ad opera di Giovanni Muzio, è frutto dell’approfondimento delle regole di urbanizzazione suggerite dal piano Albertini, che prevedeva l’allargamento di via Vittor Pisani e la ridefinizione delle altezze lungo lati e testate di piazzale Fiume (oggi piazza della Repubblica). Muzio, nella definizione del tipo a blocco per gli insediamenti, riunisce le tre unità distinte della proprietà Bonaiti in un unico edificio e aggiunge, l’anno successivo, i tasselli Berica I (palazzo Malugani) e Berica II al fine di completare i lati dell’insediamento. Muzio disegna un edificio monumentale composto da un volume mattonato rosso sorretto a sbalzo da un solido basamento in granito, dell’estensione di 3 piani, destinato agli uffici. I portali d’ingresso sono decorati dalle preziose e semplici cornici tridimensionali scolpite da Giacomo Manzù. Queste segnano una raffinata ricerca decorativa capace di rafforzare il carattere nel complesso severo dell’edificio. I piani superiori, destinati a residenze, riprendono la sperimentazione di Muzio sull’uso del paramento laterizio, unendo struttura e decorazione nella definizione di una pelle corrugata e preziosa. Il volume si presenta scavato e traforato nella parte superiore, dove Muzio realizza una serie di logge che accentuano la proiezione in facciata dello scheletro strutturale, mentre è più sodo nella sequenza di aperture della parte centrale. Lo stesso schema è inoltre ripetuto, seppur con minor enfasi ed aulicità, nella facciata di casa Malugani.

DETTAGLI
piazza della Repubblica, 5-9,