Chiesa di San Nicolao della Flue

Ignazio Gardella, Anna Castelli Ferrieri

Chiesa di San Nicolao della Flue

1968-1970

 

La chiesa di San Nicolao della Flue, voluta da Paolo VI, sorge su un basamento, che accoglie i locali parrocchiali e di servizio e permette la creazione di un sagrato rialzato, accessibile tramite una scalinata. Interno ed esterno si caratterizzano per la particolare sagoma della copertura a vela rivestita in vercuivre e sostenuta da una serie telai curvi in calcestruzzo armato a vista, che individuano tre navate interne. La navata centrale, illuminata da feritoie orizzontali, è molto più alta e conferisce slancio verticale alla costruzione. La struttura in cemento a vista, contrasta con le pareti di colore antracite. Il perimetro della chiesa è caratterizzato da sottili finestre a nastro, che corrono lungo tutte le pareti segnalando lo stacco tra copertura e volume dell’aula e, in alcuni punti, si allungano a formare tagli verticali. Le 134 vetrate istoriate, volute da monsignor Piero Carnelli, sono decorate dal pittore Pino Grioni con raffigurazioni derivanti dall’Antico e dal Nuovo Testamento. Opera dello stesso Grioni sono i dieci quadroni collocati sulle pareti laterali e la grande tela che orna il cilindro murario della cabina dell’ascensore. In fondo alla navata centrale si apre la zona presbiteriale, leggermente rialzata, dove è posto il trittico bronzeo di Lello Scorzelli: opera  costituita da tre grandi pannelli rettangolari raffiguranti Papa Paolo VI che offre a Cristo la chiesa in forma di barca a vela, Cristo che investe Pietro del magistero papale e S. Nicolao in preghiera nel suo eremo. Opera di Padre Costantino Ruggeri sono il tabernacolo, la croce astile e il fonte battesimale in beola, volutamente lasciato grezzo. Infine, a sinistra dell’ingresso principale è situata la statua della Madonna della Confidenza realizzata in marmo bianco dallo scultore Vincenzo Gasparetti.

DETTAGLI
Via Dalmazia, 11,