Museo della Permanente - Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente

La Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente nasce nel 1883 dalla fusione della Società per le Belle Arti (sorta nel 1844) e della Società per l’Esposizione Permanente di Belle Arti (fondata nel 1869).

 

Un anno più tardi viene eretta a Ente Morale dal Re Umberto I.

 

Nel 1886 si inaugura il palazzo progettato in stile neoclassico da Luca Beltrami, che ancora oggi è sede dell’ente.

 

Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, la Permanente costituisce, accanto all’Accademia di Brera, la principale sede espositiva di Milano: organizza mostre collettive e personali dei più importanti artisti dell’epoca (molti dei quali sono soci dell’ente), dai divisionisti al gruppo di Novecento.

 

Nel 1953 il palazzo, gravemente danneggiato dai bombardamenti del 1943 e ricostrutito su progetto di Achille e Pier Giacomo Castiglioni e Luigi Fratino, viene inaugurato con la grande mostra La donna nell’arte da Hayez a Modigliani, che segna la rinascita dell’ente.

 

A partire dagli anni Sessanta, la Permanente promuove rassegne storiche sui principali movimenti italiani dell’Ottocento e del Novecento, dalla Scapigliatura, al Divisionismo,al Liberty, e numerose mostre monografiche dedicate a grandi artisti italiani e stranieri, come Medardo Rosso, Segantini, Fattori, Lega, Campigli, Martini, Ensor, Arp, per citarne solo alcuni.

 

Da oltre centotrenta anni, l’ente svolge un ruolo di diffusione culturale incentrato sulla valorizzazione dell’arte italiana moderna e contemporanea, con particolare riguardo all’ambito milanese e lombardo.

 

Inoltre, la Permanente possiede una collezione d’arte costituita da più di trecento dipinti e sculture, oltre a un cospicuo nucleo di disegni e di grafica, con opere che spaziano dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri.

 

La collezione museale si è formata a partire dal 1886, attraverso l’acquisizione delle opere premiate alle rassegne organizzate dalla Permanente e le donazioni da parte di artisti e collezionisti.

DETTAGLI
Sito internet del museo - website
Via Filippo Turati, 34, 20121 Milano
Museo segreto