Edificio per uffici, negozi e abitazioni

Luigi Caccia Dominioni,

Edificio

1957-1964

 

Artista:

Francesco Somaini

 

L’edificio a destinazione mista sorge di fronte alla Chiesa di 10 Sant’Eufemia, con il quale si relaziona attraverso una serie di volumi di differenti altezze. Caccia Dominioni organizza un fronte composto da un blocco a ponte di tre piani fuori terra, che riprende l’altezza di alcuni vicini edifici della Milano preindustriale e si apre verso la chiesa, chiuso ai lati da due esili torri di sei piani rivestite in tessere ceramiche quadrate di colore rosso scuro. Un curtain-wall su due livelli, che cresce di sporgenza verso l’alto, caratterizza il blocco centrale al di sopra del piano terra porticato, chiuso solo in prossimità delle vetrine dei negozi. Oltre il cortile interno, al limite del lotto, sorge il volume con maggior cubatura: una torre di dieci piani a pianta pentagonale rivestita in clinker quasi nero, che si addossa al fronte cieco di un edificio preesistente. Mentre un altro corpo dall’andamento irregolare dell’altezza di sei piani corre lungo la corte interna, arretrato rispetto alla strada e contrapposto alla torre, ed ospita principalmente residenze. L’accesso agli edifici e alla corte interna avviene attraverso lo spazio porticato, dove si snoda l’androne dalle morbide forme, che vengono accentuate dalla decorazione pavimentale in seminato di marmo ad opera di Francesco Somaini. Il disegno di Somaini si integra perfettamente nello spazio e ne diviene protagonista: non si tratta di segni geometrici rigidi ma fluidi, capaci di interpretare, colmare e accentuare la sinuosità dell’ambiente disegnato da Caccia Dominioni.

DETTAGLI
corso Italia 22,