MAC - Museo d'Arte Contemporanea di Lissone

Il MAC Museo d'Arte Contemporanea di Lissone è stato inaugurato nel 2000 come sede espositiva della prestigiosa raccolta di opere acquisite nelle diverse edizioni del Premio Lissone (1946-1967) ed è oggi un luogo dedicato alla promozione dell'arte moderna e contemporanea e del design.

L'edificio, progettato secondo una reinterpretazione del razionalismo locale, è ubicato nel piazzale dalla stazione ferroviaria, nell'area in cui sorgeva il mobilificio Angelo Meroni. L'architettura è organizzata su quattro livelli caratterizzati da ampie vetrate, che presentano, oltre allo spazio destinato alla collezione dello storico Premio Lissone, sale espositive idonee all'allestimento di mostre temporanee, un'aula didattica e un museum shop.

Le raccolte del MAC sono cresciute notevolmente nel corso degli anni. Dello storico Premio Lissone – sostenuto dalla più qualificata critica internazionale che negli anni Cinquanta e Sessanta ne fece un vero e proprio punto di riferimento artistico – fanno parte maestri quali Emilio Vedova, Piero Dorazio, Mauro Reggiani, Ennio Morlotti, Karel Appel, Antoni Tàpies, Francois Dufrene, Emilio Scanavino, Renato Birolli, Mario Schifano, Theodor Werner, Gerard Schneider. Con la nuova edizione del Premio Lissone Pittura, le raccolte continuano a crescere, arricchendosi di opere di artisti contemporanei di livello nazionale e internazionale.

Inoltre, a sostegno della tradizione lissonese di ricerca e sviluppo relativa alla filiera del legno-arredo e design, dal 2007 viene bandito a cadenza biennale il Premio Lissone Design e, nel 2018, ha preso avvio un lavoro di sistematizzazione dei materiali documentali riferiti alle “Settimane Lissonesi” che, dal 1936 ai primi anni Settanta, valsero alla città il suo primato anticonformista rispetto alle analoghe manifestazioni coeve in Italia. In virtù di questa storia che caratterizza il territorio, il MAC nel 2019 ha integrato le sue raccolte con oggetti, edizioni limitate, prototipi e progetti che afferiscono ai trascorsi della cittadina. In collezione vi sono anche celebri icone del design quali, per citarne alcuni, Gae Aulenti, Pino Tovaglia, Livio e Piero Castiglioni, Mario Botta, i fratelli Mendini, Antonio De Marco e Simone Fanciullacci, Alessandro Zambelli, Maurizio Cannavacciuolo, Joe Colombo, Afra e Tobia Scarpa, Lorenzo Damiani, Sebastian Bergne, Vico Magistretti, Adolfo Natalini e Cristiano Toraldo di Francia, Franco Bettonica e Mario Melocchi, Michele De Lucchi e Giancarlo Fassina, Brian Sironi.

DETTAGLI
Viale Elisa Ancona, 6, 20851 Lissone